Tra mura grezze, opere grafiche emozionanti e giardini segreti pieni di sogni

02 Fantini
03 Fantini
04 Fantini
05 Fantini
06 Fantini
07 Fantini

C’è una vetrina, ampia e luminosa, che si apre su via di Beccheria a Siena. Se la oltrepassi, trovi un luogo accogliente, uno spazio lasciato grezzo, come un palcoscenico a cui mancano le scenografie.

Una ribalta che non è per questo nuda o spoglia, ma mutevole, in continua evoluzione, pronta sempre a cambiare, capace di adattarsi a nuovi attori, a nuove storie, di volta in volta. È lo spazio di Lombardi Arte, una galleria che eredita la tradizione dello storico Stabilimento Fotografico Lombardi, attivo a Siena dalla metà del 1800.

Gli artisti che si stagliano oggi in questo spazio speciale sono la sua anima, perché questo non è un contenitore riservato a un’élite, ma è una realtà unica, che coniuga la missione di galleria con quella di forum, centro di riflessione, punto d’incontro.

Lombardi Arte propone un’esclusiva selezione di prodotti a stampa di diversa natura: fotografie artistiche, illustrazioni, stampe da collezione, oggetti d’arte, cataloghi fotografici.

È una bottega, un laboratorio in cui ogni creazione esposta trova il suo proprio spazio ma riesce, nel contempo, a dialogare in armonia con tutte le altre e con il pubblico, trasmettendo una vasta gamma di emozioni.

Questa rara capacità è resa possibile dal cuore pulsante di Lombardi Arte, che accosta ogni opera all’altra con una sensibilità fuori dal comune.

Stefano Fantini si è buttato a capofitto in questo progetto, superando incertezze e difficoltà a suon di passione per il suo lavoro e di rapporti umani inestimabili che ha costruito negli anni. Lui, della fotografia, è profondamente innamorato. Autodidatta, le sue immagini mostrano un’istintiva capacità di cogliere particolari di oggetti, cose o persone, che normalmente sfuggono.

Questa straordinaria sensibilità, unita a una profonda umanità e a un’umiltà rara, si riflette anche nelle opere d’autore con cui sceglie di allestire le mura crude eppure accoglienti della galleria senese.

Perché ci piace? Perché in ogni sua foto così come in ogni prodotto selezionato si snoda un pensiero, una narrazione, si racconta di una passione viva per l’originalità, l’artigianalità, il dettaglio. Valori che fin dalla sua nascita Bolamì ha fatto suoi. Per questo abbiamo scelto di accostare, sul nostro profilo IG, le immagini delle nostre creazioni a crochet nate dalle mani delle artigiane di Bologna, ad alcuni scatti catturati da Stefano Fantini e raccolti nella sua serie “Lost… in my garden”. Attraverso ognuno di loro il fotografo ci accompagna in un giardino segreto dove, come raccontava la sua cara amica Letizia Galli, “forme e colori si attraggono, si dissolvono, assumono altre sembianze, altre anime. È un gioco di travestimenti, di mimetizzazioni, che stimolano il sogno e la fantasia”.

E concludeva il suo testo con parole che facciamo nostre e che ci auguriamo possano accompagnarti, facendoti battere il cuore, scatto dopo scatto: “Visto, basta un attimo e l’immaginazione vola… ed erano solo fiori. Non sapremo mai cosa pensava l’autore di queste bellissime macro mentre penetrava e faceva suoi, trasformandoli, i fiori, le cortecce e le foglie del suo “giardino segreto”. Perché non ce lo dirà mai. Però ce le regala, solleticando il tatto, la vista, gli odori, perfino il gusto, se ci piace di più. E allora godiamoci questa esaltazione dei sensi, liberiamo la fantasia e sogniamo”.

E tu, che segui Bolamì e conosci la pazienza, l’armonia, la sapienza, la delicatezza e la passione che serve per realizzare ogni punto, conosci bene il valore di un sogno, vero?